Carrello elevatore

Quali sono i principali tipi di carrelli elevatori?

Quali e quanti tipi di carrelli elevatori esistono
Il carrello elevatore è un mezzo operativo dotato di ruote e azionato da motori elettrici, diesel o gas, che viene usato per il sollevamento e la movimentazione di merci all’interno dei depositi per il carico e scarico di merci dai mezzi di trasporto.
In commercio esistono circa una decina di tipi di carrelli elevatori che in quest’articolo andremo ad esaminare.

Carrello elevatore frontale

Il carrello elevatore frontale è il più diffuso mezzo per lo spostamento di carichi disposti al di fuori della propria base di appoggio. Esso è chiamato anche “muletto” ed è diffuso a livello globale in molteplici ambiti lavorativi. Le numerose esigenze operative di molti ambienti lavorativi, come la conduzione del magazzinaggio e della movimentazione su larghe superfici ed altezze di carichi ha portato il muletto a diventare uno strumento di lavoro indispensabile.

Carrello elevatore retrattile

Il carrello elevatore retrattile, conosciuto anche come “retrattile” è adibito al sollevamento e la movimentazione di carichi specialmente in ambienti di lavoro in cui le dimensioni e le procedure di lavoro richiedono grande agilità di manovra in spazi ristretti.
Esso è spesso attrezzato con un gruppo di sollevamento retrattile che ne riduce notevolmente l’ingombro: ha quindi la possibilità di allargare o stringere il carro a piacere per passare tra le scaffalature più anguste. Il mezzo si alimenta a batteria elettrica.

Carrello commissionatore

È un carrello elevatore con forche adattato per permettere all’operatore a di prelevare il carico a più livelli e di avere un piano di appoggio livellabile. Questi carrelli hanno altezza operativa e portata variabile, e possono arrivare ad altezze anche superiori ai 10 metri
Esso è composto da un carrello elevatore non impilatore con guidatore a piedi o a bordo, il mezzo non è quindi costruito per sollevare e impilare merci, ma solo per movimentarle. Può essere installato un motore elettrico che ne migliora l’efficienza.

Carrelli stoccatori

Gli stoccatori possono avere una propulsione manuale o elettrica.
Questo prodotto, come il retrattile, è stato disegnato per lavorare in spazi ristretti e coprire differenti tipologie di utilizzo, dall’uso leggero a quello pesante.
Per questo, i carrelli stoccatori hanno un corpo estremamente compatto ed una buona manovrabilità. Inoltre possono trasportare anche più pallet sovrapposti in sicurezza, velocizzando le operazioni.

Carrelli elevatori trilaterali

Essi sono chiamati anche carrelli per corsie strette. Si contraddistinguono per l’assoluta robustezza. Essi sono ideali per magazzini sviluppati in altezza con più livelli di scaffalature. Il loro montante “Quad form” può infatti raggiungere l’altezza di sollevamento di 17 m mantenendo straordinarie caratteristiche di solidità e stabilità alla macchina. Le alte prestazioni rendono questi carrelli trilaterali tra i più veloci del settore.

Carrelli sollevatori Fuoristrada Montanti

Rinomati per la loro robustezza e le loro prestazioni, i carrelli sollevatori fuoristrada montanti sono utilizzati in cantieri all’aperto o su terreni disconnessi. Rialzato e potente, questa tipologia è alimentata a diesel per discese, pavimentazioni accidentate ed aree portuali a cielo aperto.

Carrelli elevatori Grandi Portate

È un carrello usato per lo più negli spazi esterni all’aperto e spesso anche su superfici sconnesse. È differenziato dalla produttività e l’economicità. Questo tipo di carrello è la scelta giusta quando si devono trasportare carichi pesanti a velocità sostenute e posizionarli in maniera precisa. Sono alimentati in genere a diesel ma anche a batterie al litio di nuova generazione.

Transpallet elettrici e manuali

Il transpallet manuale è ideale nella movimentazione di piccole quantità di merci. È composto da un timone (la barra che si impugna per trascinarlo) che ruotando permette all’operatore di manovrare in maniera più sicura all’interno del magazzino.
Esso è molto facile da trasportare. Il principale vantaggio è la leggerezza che permette appunto di trasportare facilmente il carico che, successivamente, verrà messo all’interno di camion o altri mezzi.
I transpallett elettrici, invece, hanno motori che facilitano sia la movimentazione sia il sollevamento dei carichi da terra. L’operatore accompagna il transpallet e lo gestisce mediante i comandi. Ciò permette di realizzare in maniera più precisa e rapida i compiti più impegnativi. Essi possono essere sia con uomo a terra, sia con uomo a bordo.

FA

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *